La ciabatta polesana

Lo sapevate che questo prodotto straordinario famoso in tutto il mondo è stato inventato da un campione di rally innamorato della panificazione?

Il protagonista è il mugnaio e pluri campione italiano ed europeo di rally anni ’60/’70 “Arnaldo Cavallari“.

Tra la fine degli anni Settanta ed i primi anni Ottanta, per arginare  l’avanzata della baguette studia il modo per sviluppare un pane ancora più buono.

Il 21 settembre 1982 nasce la “Ciabatta Polesana”!

Una Star in giro per il Mondo

Da subito dopo la sua nascita, la Ciabatta ha conosciuto una interminabile scia di successi in giro per il Mondo. Ad oggi, il pane Ciabatta si contende con la cugina Baguette, il pane più conosciuto e mangiato al Mondo!

La Ciabatta E’ la Ciabatta!!!! 

La nostra Ciabatta “Arnaldo” è prodotta ancora come da ricetta originale.

Niente può superare questo pane fantastico, fragrante e morbido allo stesso tempo, buonissima per far “scarpetta” per tirare su il sugo della pasta o della carne, buono a colazione con la marmellata, buono con olio e sale, buono imbottito con salumi e formaggi, buono sempre, anche quando diventa vecchio.

Ottimo da grattugiare in quanto possedendo più umidità, quando si secca diventa molto duro.

Ciabatta tagliata 8

La ciabatta "Arnaldo" e le quattro lievitazioni

Perchè proprio quattro?

Più il pane viene lavorato, migliore sarà il risultato in termini anche salutistici!

Ogni volta che portiamo il pane ad una corretta lievitazione, il glutine in esso contenuto subisce una trasformazione. Questa trasformazione rende il pane più leggero e digeribile. Il segreto sta nel far si che appena il pane raggiunge il giusto grado di acidità, è pronto per un’altra lavorazione.

DJHDFJDFKDJFKDFO

LE PRIME TRE LIEVITAZIONI

  • Prima lievitazione: quando attiviamo il lievito madre;
  • Seconda lievitazione: dopo 24 ore, quando completiamo la ricetta aggiungendo solo acqua, sale e malto d’orzo;
  • Terza lievitazione: dopo circa 4 ore, quando prendiamo l’impasto finito e lo lavoriamo per formare le Ciabatte, queste vengono messe a lievitare su tavole;

IL TOCCO FINALE

  • Quarta lievitazione: dopo circa altre 4 ore, quando inforniamo le Ciabatte, avviene l’ultima lievitazione dentro il forno, grazie al lavoro degli agenti che innescano la lievitazione, microorganismi che producono enzimi. Gli enzimi nella pasta del pane provocano la lievitazione attaccando l’amido presente nella farina, provocandone la scissione in zuccheri. Questi a loro volta si scindono in alcool etilico ed anidride carbonica. Durante la cottura l’anidride carbonica formatasi all’interno della Ciabatta lievitata, spinge contro la superficie e si gonfia. Quanto più questo processo di lievitazione sarà lungo tanto più il pane si svilupperà divenendo leggero, alveolato e digeribile.

ECCO AVVENUTO IL MIRACOLO!!!